ebraismo

Luzzati La casa dell'ebreo

ANNE FRANK (2015 – oggi)

Cura del Diario nella nuova versione italiana, per Rizzoli.

Ricerca sui luoghi di Anne Frank ad Amsterdam. Ricerca sul linguaggio di Anne Frank. Ricerca sulle diverse versioni del Diario. Ricerca sulla biografia famigliare di Anne Frank.

Vedi la pagina dedicata al Diario.
Vedi lo spettacolo Tua Anne.

TEREZIN (2003 – oggi)

Ricerca sulla cittadina di Terezín (Repubblica Ceca), in particolare negli anni dell’occupazione nazista, quando il luogo fu trasformato in ghetto ebraico e lager di transito.

10-15 giorni all’anno in loco per ricerca e progettazione. Recupero e restauro di documenti originali: lettere, corrispondenza, ordinanze, messaggi militari… Recupero e restauro di strumenti musicali. Ricostruzione storica di vicende e biografie. Incontri pubblici e privati con testimoni. Fund raising. Didattica della Memoria: 50-60 incontri all’anno per ragazzi, scuole, biblioteche, istituzioni. Didattica della Memoria: accompagnamento in loco di scolaresche e istituzioni, visita culturale, itinerari emozionali e letterari. La repubblica delle farfalle (Rizzoli): la vicenda dei ragazzi-redattori di Terezín raccontata in romanzo. La pioggia porterà le violette di maggio (Einaudi Scuola): la vicenda degli strumenti musicali a Terezín raccontata in un libro ai ragazzi.

PAVEL ŽALUD ORCHESTRA (2013 – oggi)

Pavel Žalud Orchestra, quindici musicisti e un autore con strumenti musicali originali da Terezín (Repubblica Ceca). Pavel Žalud Quartet, tre musicisti e un autore con strumenti musicali originali da Terezín.

Regia degli eventi. Collaborazione con il maestro Enrico Fink per la parte musicale. Reading. Collaborazione nella gestione organizzativa del tour insieme a Officine della Cultura (Arezzo). Fund raising.

Vedi lo spettacolo Wiegenlied.

LET MY PEOPLE LIVE (2015)

Consulenza e collaborazione per Palazzi&Gas (Roma) + European Jewish Congress (Londra) in occasione del 70° anniversario della liberazione dei lager. Direzione artistica di Anghela Alò. Nel ghetto nazista di Terezín (Repubblica Ceca), il 27 gennaio 2015, in collegamento Mondovisione con Steven Spielberg ad Auschwitz. Presenti diversi capi di Stato, il presidente del Parlamento Europeo, il rabbino capo di Tel Aviv.

Gestione degli approfondimenti dell’evento. Collaborazione in preparazione dello speech pubblico. Redazione del discorso in inglese tenuto da sir Ben Kingsley. Preparazione dello speech pubblico insieme a sir Ben Kingsley. Consulenza storica e culturale. Coordinamento con le strutture museali. Formazione ai manager dell’evento e informazione. Consulenza sui simboli utilizzati durante la cerimonia. Consulenza sulla coreografia di 144 giovani comparse in loco. Reperimento e utilizzo dei materiali storici da archivi in loco. Scelte iconografiche per installazioni, brochure e pubblicazioni. Organizzazione del concerto con strumenti originali del ghetto. Scelta del repertorio musicale.

Ne parlano sul Post.

MEIS (2010 – 2016)

Collaborazione con il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah, Ferrara.

Creazione e gestione del Manuale di Immagine Coordinata. Impostazione dell’immagine visiva del museo, derivata dal logo (non creato da Matteo Corradini). Sito web e grafica cartacea. Annuale Festa del Libro Ebraico in Italia: grafica coordinata, creazione del logo (© 2010-2015); gestione del sito; riprese video per il web; laboratori per ragazzi sull’alfabeto ebraico; reading-concerto dedicato alla rinascita della musica klezmer negli Stati Uniti.

STELLE + FARFALLE
in viaggio con INGE AUERBACHER (2013)

In tour insieme a Inge Auerbacher! Inge è ebrea di origini tedesche. Vive a New York, è molto dinamica e simpatica. È una testimone della Shoah, deportata a Terezin da quando aveva sette anni fino ai dieci. Un viaggio in Italia con Matteo Corradini, con numerose soste per incontrare adulti e ragazzi, e parlare dell’esperienza dei bambini di Terezín.

 

Inge 16marzoMantovaVenezia16

CINQUE DOCUFILM
SULL’INFANZIA NELLA SHOAH
al Cinema Monviso di Cuneo (2012)

La fuga degli angeli. Storie del Kinderstransport

di Mark Jonathan Harris – Nel biennio 1938-39 più di diecimila bambini ebrei, provenienti da Germania, Austria e Cecoslovacchia, furono trasferiti in Inghilterra col consenso dei genitori e affidati a famiglie inglesi. Harris ha intervistato dodici di quei bambini che raccontano la loro storia in un’impressionante mescolanza di smarrimento, riconoscenza, rimpianto, risentimento verso i genitori per averli mandati via, sensi di colpa, riflessioni sulla loro condizione di sopravvissuti. Oscar come miglior documentario.

Episodi da Broken silence

Gli occhi dell’Olocausto di Janos Szarz e L’inferno sulla terra di Vojtech Jasny. Prodotti da Steven Spielberg – Broken silence racchiude cinque documentari diretti da alcuni dei registi coinvolti nel grande progetto di Spielberg, la Shoah foundation, che dal 1993 sta realizzando il Museo visivo dell’Olocausto. Gli occhi dell’olocausto racconta la testimonianza di coloro che all’epoca erano ancora bambini. L’inferno sulla terra si concentra sul ghetto cecoslovacco di Theresienstadt, lager destinato ad ingannare l’opinione pubblica internazionale.

Episodi da Shoah e La breve vita di Anne Frank

di Claude Lanzmann e Gerrit Netten – Shoah è un documentario di nove ore sull’Olocausto che raccoglie le testimonianze di molti superstiti ed ex-nazisti. Lanzmann non ha usato nessun materiale di repertorio per descrivere i luoghi del genocidio, ma dei filmati dei campi di sterminio girati nel 1985. La breve vita di Anne Frank è prodotto dall’Anne Frank Stichting di Amsterdam. L’esistenza della giovane Anne è narrata a partire dalle citazioni dal diario e dalle fotografie di famiglia. Il documentario contiene inoltre le uniche immagini di Anne tratte da un filmato.

MATITE PER LA MEMORIA (2006 – 2012)

Idea e progetto di Andrea Valente. Testi originali, libri, parole dei sopravvissuti, parole dei sommersi, si fondono nella Memoria e diventano mostre nelle quali dialogano con le illustrazioni. Il segno grafico dei più importanti autori italiani si mette al servizio del ricordo, nella Giornata della Memoria. Testi e supporto scientifico di Matteo Corradini.

  • La parola Jude significa semplicemente ebreo in tedesco. Non è di per sé una parola particolare, ossia normalmente indica l’appartenenza a un popolo o a una religione. Essere ebrei è una questione matriarcale: se tua madre è ebrea, sei ebreo anche tu. Anche se non credi in Dio, anche se non frequenti la sinagoga, o non hai amici ebrei, sei ebreo. È una questione di nascita e non coincide con la fede o con un particolare rito. Se sei cristiano, per esempio, devi essere battezzato e frequentare una parrocchia, non basta essere nato da una mamma cristiana. Si può essere invece ebrei anche senza saperlo. Agli occhi dei nazisti, la parola Jude rappresentava una specie di insulto. Dire ebreo a una persona, per i razzisti, significava dire che quell’individuo era inferiore agli altri, valeva meno o addirittura nulla. In più, gli ebrei erano accusati ingiustamente di colpe passate e di colpe recenti. Tra quelle recenti c’era la situazione economica molto grave in Germania (disoccupazione, problemi sociali, povertà): il pregiudizio diffuso vedeva negli ebrei persone avide, dedite solo agli affari e a rubare ricchezze ai tedeschi. Sappiamo invece che non solo questa cosa non corrispondeva a realtà, ma anzi gli ebrei in Germania erano profondamente tedeschi e si sentivano nazionalisti. La parola Jude veniva scritta sulle stelle gialle, che in molte città gli ebrei erano costretti a cucire sui vestiti e a portare sempre quando uscivano di casa. Era un modo come un altro, da parte dei nazisti, per additare un nemico e far sentire gli ebrei inferiori e fuori dalla società.
  • 760. I giorni passati da Anne Frank nell’alloggio segreto. Simbolo universale della Memoria, fuggita ad Amsterdam dalla Germania nazista coi genitori e la sorella, Anne Frank crebbe nella città olandese in libertà fino a che l’esercito tedesco invase i Paesi Bassi. Con l’entrata in vigore delle leggi razziali anche in Olanda, e con le prime deportazioni, il padre di Anne decise di attrezzare a rifugio alcuni locali nella soffitta della fabbrica di cui era coproprietario, al 263 di Prinsengracht. La famiglia Frank vi si trasferì di lì a poco: era il 6 luglio 1942. Da pochi giorni la ragazza aveva cominciato a scrivere un diario intimo, regalatole proprio per il suo tredicesimo compleanno, compiuto meno di un mese prima. Il nascondiglio segreto doveva servire solo per un breve periodo: con l’aiuto particolare di quattro complici non ebrei, ai rifugiati erano garantiti la sopravvivenza, cibo, vestiti puliti, notizie. Col perdurare della guerra e dell’occupazione nazista, si rivelò invece un luogo dove Anne, i suoi tre familiari e altre quattro persone vissero per più di due anni. Il 4 agosto 1944, dopo 760 giorni, la Gestapo (probabilmente per una soffiata) fece irruzione nel nascondiglio e arrestò gli otto occupanti. Il destino di Anne si chiuse nel lager di Bergen-Belsen, nel marzo del 1945: la ragazza morì di tifo. L’ultima pagina del diario è datata 1 agosto 1944.

  • Nata come fortezza, la cittadina di Terezin (in tedesco, Theresienstadt), situata a sessanta chilometri da Praga e sede di caserme e prigioni nella Prima Guerra Mondiale, dalla fine del 1941 fu trasformata dai nazisti in ghetto e campo di transito per gli ebrei di quella zona dell’allora Cecoslovacchia annessa al Reich. Nel campo di Theresienstadt confluirono in seguito gli ebrei tedeschi, in particolare gli anziani, gli austriaci, gli olandesi e i danesi. In un luogo dove abitavano settemila persone furono stipati più di cinquantamila ebrei. Il loro destino era segnato: essere trasportati verso i campi di sterminio e rimpiazzati da altri ebrei. Gli abitanti del ghetto erano divisi in baracche diverse a seconda della loro età, del loro sesso e della loro provenienza. Esistevano dunque baracche per uomini, per donne, per bambini e bambini, per tedeschi e olandesi, per anziani… La vita nel ghetto era in parte gestita dal Consiglio ebraico, che su ordine dei nazisti aveva il compito drammatico di stilare le liste di coloro che sarebbero dovuti partire con i treni verso i campi di sterminio, in particolare verso Auschwitz. Tra le testimonianze raccolte in seguito, qualcuno definiva il ghetto con la frase «balliamo sotto il patibolo». Nell’ambito della cosiddetta “Soluzione finale”, la propaganda nazista voleva tenere attivo un luogo che, nella finzione, dimostrasse all’opinione pubblica che la condizione degli ebrei nei lager non fosse dura e definitiva. Un luogo da mostrare attraverso un film, che fu girato all’interno del ghetto dai nazisti stessi, e da far ispezionare ai rappresentanti della Croce Rossa internazionale. Tale luogo fu Terezin. Dalla fine del 1941 alla liberazione, nel ghetto di Terezin soggiornarono più o meno a lungo gli ebrei cecoslovacchi destinati al campo di sterminio di Auschwitz. Tra di loro quindicimila tra bambini e ragazzi, dei quali ne sopravvissero novantuno. Del loro passaggio a Terezin è rimasta una commovente testimonianza, rappresentata da alcune migliaia di disegni e centinaia di scritti e decine di poesie.

  • Oggetti che raccontano le storie degli ebrei uccisi per il solo fatto d’essere considerati inferiori. Tesserini di conservatorio, stelle, documenti, sassi… Ma anche gli oggetti dei nazisti persecutori, foto e documenti dell’orrore. Il tesserino del Conservatorio di Lwow, per l’anno scolastico 1937-38, apparteneva ad Amalia Badian. Nata nel 1914, la ragazza aveva dunque ventitrè anni all’epoca della foto e venticinque allo scoppio della guerra. Non conosciamo quale sia stato il suo destino. In Europa, Lwow era tra le città che ospitavano il maggior numero di ebrei. Tra il giugno e il luglio del 1941 vennero compiuti diversi pogrom a loro danno: le Einsatzgruppen tedesche (gruppi operativi coordinati da SS e polizia) avevano il compito dichiarato di cercare e annientare qualsiasi presenza di ebreo, zingaro o dissidente politico. Gli uomini venivano uccisi a bastonate o fucilati. Le donne brutalizzate e violentate, prima di essere assassinate. Le sinagoghe vennero saccheggiate e distrutte, le case incendiate. Tra le deportazioni (verso Belzec e Auschwitz, soprattutto) e i pogrom, alla fine del conflitto restarono vive a Leopoli solo poche centinaia di ebrei. Tra i più celebri sopravvissuti vi fu Simon Wiesenthal, che si incaricò di assicurare alla giustizia numerosissimi gerarchi nazisti rifugiati in diversi luoghi del mondo dopo il 1945.

  • Personalità divenute celebri in seguito, che per le Leggi razziali hanno dovuto fuggire o nascondersi: Lele Luzzati, Albert Einstein, Rita Levi Montalcini, Gillo Pontecorvo… Quando si dice il destino! Emanuele Luzzati, che tutti hanno sempre chiamato “Lele” (anche quelli che non lo conoscono, come fosse un amico anche se non l’hai mai incontrato) appena diplomato non poteva di certo fare quello che voleva: lavorare nel mondo dello spettacolo, disegnare, architettare. Abitava a Genova, città che lo ha sempre amato molto e che in seguito gli ha anche dedicato un museo. Quando il regime fascista italiano decise di introdurre le leggi razziali, la famiglia di Luzzati si trasferì a Losanna, in Svizzera, e là Emanuele riuscì a svolgere gli studi che aveva sempre sognato: quando si dice il destino! In città si diplomò all’Ecole des Beaux Arts. E imparò molte cose, soprattutto l’arte di arrangiarsi. Chi conosce l’opera di Luzzati sa come utilizzava piccoli pezzi di carta, ritagli di stoffa, vetrini… per rendere tutto colorato e bello. Quel suo stile inconfondibile nacque all’inizio non come scelta ma come necessità: a Losanna non avevano materiali, c’era la guerra e si faceva fatica perfino a trovare da mangiare, figuriamoci belle carte colorate o strutture eccezionali. Così Luzzati dovette inventare un modo diverso di illustrare, fatto di cose povere e di scarti, sovrapposti e incollati, fino a produrre risultati nobilissimi. Oltre all’illustrazione per i libri e alle scenografie per il teatro, Luzzati si occupò anche di cortometraggi per il cinema. Ha realizzato bozzetti per i più importanti teatri italiani e stranieri, come il London Festival Ballet, il Glyndebourne Festival, la Chicago Opera House e la Staatsoper di Vienna. Due suoi cartoni animati ottennero le nomination al Premio Oscar nel 1966 (per la “Gazza Ladra”) e nel 1974 (per “Pulcinella”). Luzzati ci ha lasciati il 26 gennaio del 2007, il giorno prima del Giorno della Memoria. In quel giorno avrebbe incontrato dei ragazzi per parlare di colori e di ebraismo e anche, come diceva Lele di “come si diventa un ebreo artista, e come si diventa un artista ebreo”.

  • Deportazioni, viaggi in prigionia, arrivi nei ghetti o nei campi di sterminio. Le finestre sono sempre in alto, per i bambini più piccoli. Sono irraggiungibili. Già è impossibile o molto difficile per un adulto sottrarsi alla deportazione, ma per i bambini tutto avviene in un clima forse ancora più angosciante. I bambini non conoscevano la realtà dell’antisemitismo meno degli adulti. L’avevano provata sulla propria pelle con le leggi razziali applicate alle scuole, erano stati allontanati dalle classi, segregati, non potevano prendere i mezzi pubblici, come gli adulti, ed erano obbligati a girare per strada con la stella gialla appuntata sul petto. In alcune regioni, anche con due stelle gialle, una davanti e una dietro, per sicurezza. Nei trasporti, i bambini si ammalavano prima e non erano forti come gli adulti. I treni sono spesso trasformati in giocattoli, sono una avventura. Ma in quei treni merci che portavano i bambini dai campi di transito ai campi di concentramento e sterminio, il mondo è ritornato indietro di secoli, riportando l’infanzia a una condizione di inutilità e di debolezza assoluta. Anche i bambini erano compresi nell’ingranaggio dello sterminio: avrebbero generato a loro volta altri ebrei, un giorno cresciuti, e avrebbero proseguito di generazione in generazione la stirpe di quel popolo che i nazisti volevano a tutti i costi annientare. Nemmeno i ragazzi potevano salvarsi. Nei campi di sterminio, non c’era posto per i bambini. Inutili al lavoro, inutili perfino alla vita, finivano direttamente nelle camere a gas. Non passavano mai le selezioni, e il loro destino era segnato da subito. Per molti di loro, la data di morte coincide con l’arrivo nel campo di sterminio. Il treno si fermava insieme al loro cuore, la vita finiva poco lontano dal binario.

    Ivan Buchwald (da Debòrah Dwork, Nascere con la stella – Marsilio)

  • Chi è l’ebreo? Quello dell’identità ebraica è da sempre un tema molto dibattuto e complesso. Marek Halter era nato nel 1936: fuggì con i genitori dalla Varsavia occupata dai nazisti. Di quei giorni conserva un ricordo particolarmente acceso. La prima volta che ho sentito pronunciare la parola «ebreo» è stato in tedesco: Jude. Avevo appena compiuto cinque anni. Un giovane soldato in uniforme mi aveva bruscamente posto la domanda: «Jude?» Non ricordo il suo volto, il fascio di luce emesso dalla torcia che mi puntava contro mi abbagliava. Mi rendevo conto del pericolo che la domanda e la risposta rappresentavano per la mia famiglia fuggita dal ghetto? Temo proprio di no. Nella mia incoscienza di bambino, ammettere la mia «ebraicità» era un fatto evidente, fondamentale. Per me, il pericolo più grande era non essere niente. E invece avevo la mia bella identità: ero ebreo! Non c’era motivo per negarlo. Inoltre ignoravo totalmente la minaccia di morte insita in quella domanda.
    «Jude?» Sì! Certo, sì!
    Forza dell’innocenza! La spontaneità e la convinzione con le quali avevo risposto ci salvarono sicuramente la vita. I nazisti scoppiarono a ridere.
    «Lasciateli passare», aveva intimato il superiore, «il bambino parla a vanvera. Gli ebrei negano sempre la loro identità…»

    Marek Halter, Perché sono ebreo – Sperling & Kupfer

INCONTRI E DIDATTICA (2000 – oggi)

Numerosissimi impegni dedicati alla cultura ebraica e al tema della Memoria (circa 90 all’anno davanti a 7.000 persone), con scuole di ogni ordine e grado, biblioteche, istituzioni culturali pubbliche e private, festival nazionali e internazionali, musei, associazioni culturali.

Metodi formativi innovativi. Laboratori sull’alfabeto ebraico. Didattica esperienziale. Incontri con testimoni. Precisa attenzione ai contenuti. Speciale attenzione alla comunicazione. Coordinamento con strutture culturali e museali.

  • 2008 Responsabile dei progetti educativi per «…di razza ebraica» Memoria delle leggi razziali – Provincia di Pavia.
  • 2003 Interventi nel Museo Ebraico “F. Levi” – Soragna.
  • 1999 – oggi Esperienze e ricerca sulla mistica ebraica.
  • 2000 – oggi Esperienze e ricerca, articoli di divulgazione sulla didattica della Memoria, con particolare riferimento a studenti e insegnanti.
  • 1999 Tesi a conclusione del corso di laurea in Lingue e Letterature Orientali (Università Ca’ Foscari – VE). Titolo: Il simbolo delle spezie, il simbolo della torre, la forma dei besamim. Trattazione sul simbolo del profumo in relazione al simbolo della torre, e traduzione di testi ex-novo dalla letteratura rabbinica (150 pagine) per una antologia tematica. Relatore: prof. Giulio Busi.

Questo sito usa i cookie (anche di terze parti), per fornirti una migliore esperienza di navigazione. Continuando a navigare o cliccando su “accetta” ne consenti l'utilizzo. maggiori informazioni

Che cosa sono i cookie?
Un cookie è un piccolo file di lettere e numeri che può essere memorizzato sul tuo browser o sul disco fisso del tuo computer quando visiti il nostro sito web. I cookie contengono informazioni sulle tue visite al suddetto sito web.

Cookie di terze parti
Visitando un sito web si possono ricevere cookie sia dal sito visitato (prima parte), sia da siti gestiti da altre organizzazioni (terze parti). Esempi notevoli sono la presenza di “embed” video o “social plugin” da servizi di social network. Si tratta di parti della pagina visitata generate direttamente dai suddetti siti ed integrati nella pagina del sito ospitante. L’utilizzo più comune è finalizzato alla condivisione dei contenuti sui social network. La presenza di questi plugin comporta la trasmissione di cookie da e verso tutti i siti gestiti da terze parti. La gestione delle informazioni raccolte da terze parti è disciplinata dalle relative informative cui si prega di fare riferimento. Per garantire una maggiore trasparenza e comodità, si riportano qui di seguito gli indirizzi web delle diverse informative e delle modalità per la gestione dei cookie.

Informative
Facebook informativa: https://www.facebook.com/help/cookies/
Facebook (configurazione): accedere al proprio account. Sezione privacy.

Twitter informativa: https://support.twitter.com/articles/20170514
Twitter (configurazione): https://twitter.com/settings/security

Google+ informativa: http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/cookies/
Google+ (configurazione): http://www.google.it/intl/it/policies/technologies/managing/

Questo sito non utilizza (e non consente a terzi di utilizzare) lo strumento di analisi di Google per monitorare o per raccogliere informazioni personali di identificazione. Google non associa l’indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google né cerca di collegare un indirizzo IP con l’identità di un utente. Google può anche comunicare queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.

Per ulteriori informazioni, si rinvia al link di seguito indicato: https://www.google.it/policies/privacy/partners/
 
Come modificare le impostazioni sui cookie
La maggior parte dei browser permette di cancellare i cookie dal disco fisso del computer, di bloccare l’accettazione dei cookie o di ricevere un avviso prima che un cookie venga memorizzato. Come modificare le impostazioni per:
Google Chrome
Mozilla Firefox
Internet Explorer
Safari

Garante della Privacy sui Cookie: http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/3118884
Informativa e consenso per l’uso dei cookie http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/2142939
Faq in materia di cookie http://www.garanteprivacy.it/web/guest/home/docweb/-/docweb-display/docweb/2142939

chiudi